Ópera Pitágoras de Samos, de Andersen Viana • 27/3 19h

Ópera Pitágoras de Samos, de Andersen Viana • 27/3 19h

 

Opera Pitágoras de Samos, di Andersen Viana • 27/3 19h su Rádio Expedição CoMMúsica

 

Ascoltare:

www.commusica.com.br

www.delneroconteudo.com.br

www.expedicaocommusica.minharadio.fm

 


Versione riassuntiva dell’opera in italiano

Para ler o resumo em português, clique aqui.

Ópera Pitágoras de Samos, de Andersen Viana • 27/3 19h
Ilustração para a cena 1 – Pitágoras fala aos discípulos sobre o perigo representado pelo conhecimento.

SOMMARIO DELL’OPERA

Overture strumentale.

Magna Grecia 495 a.C., un anno dopo aver lasciato l’isola di Samos.

Myia dice a Pitagora che la cosa migliore da fare era venire a Crotona che restare a Samos sotto il tiranno Policrate. Lì correvano un grande rischio. Pitagora spiega quanto sia pericoloso per i tiranni avere intorno coloro che amano le arti e la conoscenza, poiché sono i primi a mettere in discussione gli atti irrazionali. Assicura a Myia che la cosa più importante è conservare il tesoro della conoscenza nella memoria, perché tiranni e ladri non potranno mai rubarlo. È allora che Pitagora canta: “Tutto è numero”. Apollonio vuole unirsi ai “Pitagora”, quando il maestro afferma che avrebbe dovuto affrontare una difficile prova. A cui Apollonio risponde con il “Canto per la pace”. Pitagora dice di aver fatto bene, ma non è ancora pronto per entrare a far parte del “Mathematikoi”. Tuttavia, sarà accettato come “Akousmatikoi”. Pitagora canta “La vita è come uno spettacolo”.

Myia dice ad Apollonio che era molto felice per lui e che suo padre era un insegnante molto esigente. Apollonio risponde a Myia che sarà un onore vivere con il maestro. Aveva sentito dire tra il popolare che Pitagora sarebbe stato il figlio di Apollo. Myia dice che una volta la sacerdotessa del tempio di Delfi profetizzò che sua nonna avrebbe dato alla luce un bambino che sarebbe diventato un uomo di suprema saggezza e che avrebbe portato molti benefici all’umanità. È allora che Myia ricorda la “Ninna Nanna” che Pitagora le cantava sempre. Apollonio, che non si era ancora dichiarato a Myia, le porge una rosa bianca. Myia dice che Pitagora era un padre molto severo e che disapprovava tutti i suoi corteggiatori, quindi era una donna molto sola. Anche se il sentimento è reciproco, ha paura di lasciare Pitagora per tutto ciò che potrebbe accadergli se se ne andasse.

Pitagora sta tenendo una lezione. Parla dello strumento che ha creato il “Monocórdio”, che era uno strumento con una sola corda tesa tra due estremità. Dice che la musica è collegata alla matematica. Avendo stabilito l’esistenza di sette note nella scala musicale, le associa ai pianeti del sistema solare.

Cylon vuole unirsi ai “Pitagora”, quando il maestro gli assicura che anche lui dovrà affrontare una difficile prova. Allora Pitagora chiede a Cylon quale sarebbe esattamente l’unione di note che, suonate simultaneamente, producessero un suono piacevole per le orecchie. Cylon risponde che questo potrebbe essere solo il suono delle spade che colpiscono l’aria. Pitagora dice che per la seconda volta non è in grado e che non sarebbe mai stato accettato come discepolo, quello che fece infuriare Cylon ancora di pìu. Apollonio medita con Pitagora che forse sarebbe meglio lasciare Cylon come “Akousmatikoi”, poiché era un potente nobile della città. Pitagora risponde che Cylon non solo non ha le capacità e l’intelligenza per farlo, ma è anche l’antitesi morale dell’ideale. Nel frattempo, Apollonio racconta a Pitagora del suo amore per Myia e i due discutono su questo problema. Pitagora non acceta gli tentativi di Apollonio.

Con rabbia, Cylon inizia un monologo dicendo che Pitagora è troppo vecchio per capirlo e che, d’ora in poi, tutti quegli esseri squallidi sarebbero stati suoi nemici. Myia e Apollonio stanno praticando l’arpa e cantando quando, all’improvviso, appare Cylon che inizia a parlare del loro modo di vivere. Durante questi dialoghi Cylon canta “l’uomo è mortale”.

Cylon dice che la Scuola avrebbe avuto una fine inaspettata proprio in quel momento. All’improvviso appare un soldato che, con stupore dei presenti, sguaina la spada e giustizia Apollonio e gli altri, mentre Myia fugge. Poco dopo, Cylon dà al Soldato una piccola borsa di monete d’oro.

Myia spiega a suo padre cosa era successo, cosa aveva fatto Cylon: uccidere Apollonio e i suoi discepoli e allontanare gli altri. Pitagora tiene conferenze sugli atti dei tiranni e che ora non ci sarebbe altro da fare che andarsene. Myia risponde che non lo lascerebbe mai e che preferirebbe la morte. Pitagora dice che la cosa più logica da fare sarebbe che lei si salvasse portando i manoscritti al vento, per tutti coloro che cercavano la conoscenza. È quando Myia e Pitagora cantano il duetto “Melancholia”. Lei è riluttante, ma alla fine accetta e se ne va portando i manoscritti.

Nel tempio di Apollo Pitagora suona la sua lira, intervallata da silenzi meditativi. Improvvisamente appare Cylon. Pitagora chiede cosa è venuto a fare nel tempio, se era lì per ucciderlo. Cylon risponde che entrambi sapevano che il tempio di Apollo lo proteggeva e che non voleva la sua morte. Invece aveva portato pane e latte. Pitagora disse che avrebbe preferito morire toccando qualcosa portato da un essere inquietante come lui e che gli dei lo avrebbero punito severamente per un atto così vile… Triste e solitario, Pitagora, nel suo monologo, dice che tutto è finito.. certezza che la sua anima fosse immortale e che dopo la sua morte sarebbe stata trasferita in un altro corpo. Ricorda tutte le conoscenze che ha accumulato con i suoi maestri in Grecia, Egitto e Babilonia. Pitagora canta: “La vita è come uno spettacolo”.

Cylon è solo. Dopo la morte di Pitagora, inizia ad avere visioni del maestro, il dio Apollo, iniziando una sequenza di allucinazioni. È l’inizio di una graduale demenza che non fa che peggiorare, sempre di più, fino a raggiungere il punto di attirare l’attenzione del Soldato. Cylon nota la sua presenza nella stanza e inizia a dire cose sconnesse cercando di afferrarlo come se quell’uomo fosse la sua salvezza. Il Soldato risponde dicendo che lo avrebbe salvato, ma che c’era un solo modo per curarlo da tutta quella follia. Velocemente il Soldato estrae la sua spada e lo esegue. 

Musica finale.


 

Guarda il filmato ufficiale della versione integrale dell’Opera Pitagora di Samo:

 

 

Glossario

Magna Grecia = Nome dato al sud della penisola italiana, regione colonizzata nell’antichità dai Greci e che comprendeva anche la Sicilia.

Pitagorici = Membri della società creata da Pitagora. Hanno sviluppato una parte significativa della conoscenza matematica essendo stata una miscela di religione, misticismo, arte e scienza. Pitagora era anche conosciuto come il “filosofo femminista”, poiché c’erano molte discepole e insegnanti a scuola (V secolo a.C.)

Metempsicosi = Credenza che l’anima sia immortale e che dopo la morte venga trasferita in un nuovo corpo.

Mathematikoi = Tradizionalmente identificata come la fazione più intellettuale, modernista, razionale e scientifica dei Pitagorici.

Akousmatikoi = Tradizionalmente identificati come credenti remoti nel misticismo, numerologia e insegnamenti religiosi dei Pitagorici.

Frase attribuita a Pitagora = “L’uomo è mortale per le sue paure e immortale per i suoi desideri”.

Frase attribuita a Pitagora = “La vita è come uno spettacolo, entriamo, vediamo cosa ci mostra e alla fine la lasciamo”.

 

 

1-Obra Integral Registrada sob o nº 808.350/2019 – Escritório de Direitos

Autorais (EDA) Fundação Biblioteca Nacional

2- File audio gentilmente forniti dall’Autore per l’ascolto su Rádio Expedição CoMMúsica

 


Leggi l’intervista a Andersen Viana

Deixe um comentário

Esse site utiliza o Akismet para reduzir spam. Aprenda como seus dados de comentários são processados.

Site Protection is enabled by using WP Site Protector from Exattosoft.com
%d blogueiros gostam disto: